Whistleblowing Segnalazioni
IMCD GROUP e le sue controllate forniscono la possibilità, in ottemperanza alla Direttiva (UE) 2019/1937, a dipendenti, azionisti, personale aziendale, soggetti terzi che collaborano con la società (quali liberi professionisti e consulenti), di segnalare, anche in forma anonima, illeciti e/o violazioni, attraverso una piattaforma on-line che permette di circostanziare la segnalazione in modo concreto. 

Per questo IMCD ITALIA ha previsto canali interni ad hoc per ricevere segnalazioni di violazioni di normative interne o esterne, a garanzia della correttezza e trasparenza nella conduzione degli affari e delle attività svolte e a tutela della posizione e immagine aziendale, che possano arrecare danno o pregiudizio all’azienda, come una frode, un rischio generico o una situazione potenzialmente pericolosa, garantendo altresì la compliance alle disposizioni normative di cui al D.Lgs. del 10 marzo 2023 n. 24 in materia di whistleblowing e recante  “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1937 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2019, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione e recante disposizioni riguardanti la protezione delle persone che segnalano violazioni delle disposizioni normative nazionali, nonché delle indicazioni fornite dall’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC). 

Il portale informatico per il whistleblowing è lo strumento web predisposto specificatamente per le segnalazioni, in forma scritta e in forma orale, di dette situazioni critiche per le società del Gruppo IMCD e assicura un efficace e univoco punto di accesso che dispongono di appositi canali dedicati delle società del Gruppo IMCD cui si intende indirizzare una segnalazione. 
CANALE DI SEGNALAZIONE ESTERNO
Le persone segnalanti devono privilegiare i canali di segnalazione interna istituiti dalla società. 

Il Decreto Whistleblowing, nei casi e al ricorrere di determinati presupposti espressamente stabiliti dallo stesso decreto art 6 del D.Lgs. 24 del 10 marzo 2023, prevede che il segnalante può indirizzare la segnalazione delle sole violazioni previste dal Decreto Whistleblowing al canale esterno istituito e gestito dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e disponibile sul sito istituzionale ANAC. 
AGGIORNAMENTI

La presente Dichiarazione è stata aggiornata l’ultima volta il 01 Dicembre 2023. Potremmo aggiornare la presente Informativa di tanto in tanto. Vi informeremo di eventuali modifiche prima della loro entrata in vigore.